I met the media guru Joichi Ito

Ieri, 28 novembre, alla Mediateca di Santa Teresa a Milano si è tenuto, nell’ambito del ciclo di conferenze Meet the Media Guru, l’incontro con il pubblico di Joichi (Joi) Ito, alla quale ho assistito via Mogulus.
E’ molto difficile riassumere in poche righe un monologo di due ore e mezza. Provo allora ad isolare alcuni punti toccati da Joi Ito e che mi spingono a riflessioni un po’ particolari e sulle quali vorrei sentire la vostra.

Il diritto d’autore
Di fatto il diritto d’autore non è più esercitabile. Per sua natura qualsiasi cosa riproducibile, sia essa una canzone, una foto, un video può essere diffusa in Rete e non solo. Le politiche di difesa di questo diritto rendono alcuni beni ancora più costosi e portano di fatto a una sorta di escalation tra chi produce e chi utilizza illegalmente tali beni.
Le aziende del settore non hanno solo questo problema. Il paradigma open source ha dimostrato che è possibile produrre software di qualità a prezzi irrisori, grazie alla sforzo di persone che, pur non essendo pagate per il loro lavoro, riescono a profondere professionalità in prodotti di alto livello.
Bisogna allora a trovare altre strade, e qualcuno ci riesce. L’ultimo caso è quello del complesso Nine Inch Nails, che hanno messo in Rete, scaricabile gratuitamente, il loro ultimo album. Il loro guadagno, di ben 1,5 milioni di dollari, è arrivato non dall’originalità della loro musica ma dal merchandising.

Qui arriva la mia domanda: in un futuro oramai abbastanza prossimo, di cosa vivranno cantanti, scrittori, fotografi, registi? La mia risposta: di ciò che non è riproducibile: i concerti live e le magliette per i cantanti, le conferenze per gli scrittori, le mostre per i fotografi. O qualunque partecipazione personale che sia tornaconto per altri, ad esempio aziende che invitano presenze illustri per scopi pubblicitari.
In breve, la reputazione sarà l’unico bene sul quale si potrà guadagnare.
Bello, bellissimo: ma coloro che vivono attorno a queste persone? Che ne sarà degli attori, dei dipendenti di case editrici, di aziende musicali, ecc.?
Certamente, si guadagnerà ancora sulla produzione, i bulloni e i mattoni serviranno ancora, magari prodotti non da operai ma da macchine (come in parte già avviene già ora). Avremo solo artigiani del pensiero? A queste riflessioni, mentre ascoltavo Ito, se ne è aggiunta un’altra. Ho pensato a un mestiere che il Web 2.0 e 3.0 non cambieranno. Tante braccia serviranno ancora per la guerra.

Il videogioco
Il videogioco distingue noi dalle generazione che ci ha seguito. Quelli più o meno della mia età sono passati da Pong a giochi più sofisticati. Ma queste simulazioni, nelle nuove generazioni, hanno un ruolo preponderante. Rispetto al passato, il videogioco sviluppa, oltre ai riflessi, le facoltà motorie e intellettive, quanto e più della vita normale, dato che ormai il videogioco si gioca in Rete e diventa MMORPG . Secondo Ito si è arrivati ancora oltre: Il videogioco diviene veicolo di valori , sicuramente quelli della community, della partecipazione in generale. La domandona è: verso che cosa?

Il tempo
I nuovi apparati tecnologici ci portano ad una modalità di fruizione always on, sempre connessi, e con caratteristiche di persistenza. Stare in Rete diverrà come respirare. La nostra concezione del tempo, quella occidentale, quella scandita dai tempi del lavoro e del riposo, nasce nel medioevo con i monasteri. Questo ha portato a una separazione dal pensiero orientale. Si sta per arrivare a una riunificazione. Dal tempo monocronico si torna, in tutto il mondo, al tempo policronico. Quello che conta non è cioè il momento nel quale compi una certa azione, ma il contesto. Non è più necessario comunicare al nostro prossimo: “Ci vediamo alle dieci”. Con le nuove tecnologie, attraverso le quali saremo tutti connessi, ci si dirà: “Io sto andando là”, e la porzione della community interessata si incontrerà rendendo l’orologio un orpello inutile. Sta già succedendo anche a noi, basti pensare al concetto di Twitter come sincronizzatore di community.

Ci sarebbero tante altre cose da dire ma mi fermo qui. Aspetto i vostri commenti e vi indico qualche link di approfondimento.

@ Coldplay e Nine Inch Nails gratuiti su Internet
@ In Cina videogame patriottici contro la perdita dei valori
@ Monocronico e policronico
@ Il blog di Joi Ito

Annunci

6 Responses to “I met the media guru Joichi Ito”


  1. 1 Alberto Cottica 1 dicembre 2008 alle 11:10 am

    Grazie per queste riflessioni! Ti vedevo nella chat di Mogulus (io ero in sala), così adesso so due cose di te: che ti piace Tolkien e che ti piace Joi Ito 🙂
    Ci vediamo su Kublai?

  2. 2 Cirdan il Timoniere 1 dicembre 2008 alle 1:23 pm

    Ringrazio il mio second-twin (Mr. Volare e Cirdan Maruti, capelli a parte, sono praticamente identici, forse siamo troppo poveri per una skin originale 🙂 ) per avere letto il mio articolo.
    Il nick Cirdan il Timoniere me lo porto dietro dai tempi di Fidonet, solo pochi riescono ad associarlo a Tolkien in quanto personaggio marginale.
    Joi Ito è parecchio avanti, sarebbe stato un peccato perdersi la conferenza.
    Ci vediamo su Kublai, sono iscritto ma per adesso il mio ruolo è quello passivo di semplice lurker.
    Grazie e spero di rivederti ancora da queste parti.

  3. 3 Alberto 10 dicembre 2008 alle 1:08 am

    Maddai, io ero così orgoglioso della mia skin da arabo, l’ho pagata anche abbastanza…
    Ah, non ti sgamavano su Tolkien? Puah. Sei sprecato in mezzo a questi dilettanti. 🙂
    Credevo che Tolkien fosse un must assoluto per gli early adopters di internet (lo dice anche Neal Stephenson in Cryptonomicon, e sembra confermato dalla lunghissima entry di Wikipedia su Cirdan, che finisce così: “Círdan the Shipwright appears in the LOTR Trading Card Game as part of the Mount Doom expansion pack. Círdan costs four twilight to put into play. He has 7 Strength and 4 Health with a special ability which lowers an enemy minion’s strength by 1 for each event card in Círdan’s owner’s discard pile.”)
    Ciao, second twin!

  4. 4 romaguido 20 dicembre 2008 alle 12:48 pm

    Siamo lieti di comunicare che tutoronlinequalificati ha inserito questo blog nella lista dei siti cui assegnare il premio Dardos per i blog “che hanno dimostrato il loro impegno nel trasmettere valori culturali, etici, letterari o personali”.

    Vogliate ricevere i nostri complimenti e gli auguri per le prossime festività.

    http://tutoronlinequalificati.wordpress.com/


  1. 1 Joi Ito @ Meet the Media Guru « CreActive Four Trackback su 1 dicembre 2008 alle 11:06 pm
  2. 2 Meet the media guru: la nuova democrazia di Lessig « Il blog di Cirdan il Timoniere Trackback su 28 marzo 2009 alle 10:17 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Addthis

AddThis Social Bookmark Button

Flickr Photos

Moods of blue

High heels

Altre foto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: