Archivio per agosto 2013

Il tempo ritrovato

 Che ti move, o omo,
 ad abbandonare le proprie tue
 abitazioni delle città,
 e lasciare li parenti e amici,
 ed andare in lochi campestri
 per monti e valli,
 se non la naturale
 bellezza del mondo?
 (Leonardo da Vinci)
 Home is behind
 The world ahead
 And there are many paths to tread
 Through shadow
 To the edge of night
 Until the stars are all alight
 Mist and shadow
 Cloud and shape
 Hope shall fail
 All shall fade
 (Peregrino Tuc)

Sasso di SimoneErano troppi, troppi anni che non lo facevo. E finalmente quel giorno è tornato. Ho preso lo zaino, ci ho messo una tenda, un sacco a pelo e poco altro e ho camminato, camminato, finchè non ho trovato il posto dove piantare la tenda per passare la notte.
Un’ora e mezzo di cammino,  in compagnia, in salita, il cuore che batte forte per la fatica ma anche per quella passione ritrovata, per quei faggi a perdita d’occhio, per quel silenzio che non è proprio silenzio, se non per le nostre orecchie di cittadini. Fino allo spiazzo, un’area attrezzata con panchine, un tavolaccio e un camino. Una grossa comodità, dove comunque è la Natura che detta le regole.
Le chiacchiere, il fuoco, il vino, le stelle, valgono bene una notte movimentata: sveglia alle 00.40, poi alle 2.40, poi alle 5.10; I rumori del bosco al quale non sei più abituato, il ramo che si stacca e si schianta non troppo lontano, il gufo, le mucche romagnole insonni.

La cisterna principale della Città del Sole, ancora ben conservata

Il mattino dopo un altro piccolo giretto, verso la cima del Sasso Simone e  i resti della  Città del Sole, dove l’uomo ha dovuto soccombere alla Natura che sa essere impietosa.

E poi giù, verso la civiltà, verso un piatto di tagliatelle al tartufo. E verso casa. Con nuove idee di “avventure”, prima che sia troppo tardi.

Annunci

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Addthis

AddThis Social Bookmark Button

Flickr Photos


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: