La mia Via degli Dei

Via degli DeiI sogni nel cassetto, a mio parere, devono essere piccoli sogni in piccoli cassettini, così ne possono essere aperti tanti durante la propria vita. Uno dei miei sogni nel cassettino era quello di percorrere la Via degli Dei, una “passeggiata” lungo l’Appennino da Bologna a Firenze, sulle orme degli antichi Romani (e probabilmente degli Etruschi). L’escursione era già stata pensata l’anno scorso e rimandata, prima attorno al 25 aprile, poi attorno al 1°maggio, per il maltempo. Quest’anno, ancora una volta, il tempo non è stato dei migliori, ma considerando che non c’erano particolari previsioni di pioggia, e che ormai mordevo il freno da quasi un anno, ho deciso di partire.

E’ stata una esperienza difficoltosa e meravigliosa allo stesso tempo. Non farò la cronistoria, sarebbe forse noiosa e inutile, senza contare che in Rete si trova di tutto. Qualche consiglio, in base alla mia personalissima esperienza,  vorrei però darlo:

Il periodo

Non credo che fine aprile sia il periodo migliore. Come dicevo, l’anno scorso ho dovuto rimandare il viaggio per le condizioni meteo avverse, e quest’anno ho trovato moltissimo fango che non mi ha certamente agevolato nel cammino. Mi sono perso anche molti panorami a causa della nebbia, e ho voluto/dovuto modificare il percorso originale per sicurezza. Forse il periodo migliore è dopo i primi quindici giorni di maggio, facendo attenzione a non chiudere la tappa al Mugello in occasione del Gran Premio perché, se non volete dormire in tenda fuori dai centri abitati, è quasi certo che non troviate un posto libero

L’allenamento

Sono un appassionato discontinuo di trekking e mi piace camminare. Da poco ho iniziato a correre qualche km (riesco a passare per un pelo il test del moribondo). Senza allenamento secondo me, specie alla mia età (45 anni) non vai da nessuna parte. Penso però che un minimo di preparazione sia sufficiente, purché, di questo ne parliamo dopo, non esageriate con il peso sulle spalle!

L’equipaggiamento

Sono partito con uno zaino che complessivamente (considerato cioè lo zaino stesso) non superava i 10 chili (io ne peso 75, anzi 73 dopo la camminata, per 1,85 di altezza). Cosa conteneva lo zaino? Tre magliette tecniche manica corta, slip, calze, una maglietta tecnica manica lunga, un giubbotto tecnico traspirante, un k-way, un pile (l’ho usato solo in albergo), scaldacollo, un coltello (mai usato ma lo ritengo uno strumento di emergenza oltre al fischietto e a qualche decimetro di corda). Più le dotazioni “classiche”: telefono, caricabatterie, usb power bank (batteria esterna per cellulare) e qualche altro oggettino. L’acqua non deve mai mancare, io ne portavo un litro e mezzo, dopo San Luca e il Parco Talon è più complicato trovare fonti.

Gli errori che ho fatto

Come dicevo sono un appassionato discontinuo di trekking per cui ritengo che non avrei dovuto commettere due grosse leggerezze:

1) Le scarpe: mi sono preparato al viaggio con un paio di scarpe (basse) ma quando ho visto le condizioni del tempo variabili ho deciso di utilizzare il classico scarponcino alto (usato nel passato) che però ho usato solo una volta prima della partenza. Non ne soffro normalmente, ma sono venute le vesciche fin dal primo giorno. Non fate il mio stesso errore.

2) La carta: avevo una guida con delle carte 1:50000, troppo poco dettagliate nel caso tu debba fronteggiare imprevisti. Avevo con me il GPS caricato con waypoint strategici, ma il GPS non era cartografico. Alla fine del primo giorno pensavo che il luogo dove avrei pernottato era a 2,5 km da me: questo però se ci fosse stata la galleria, visto che il punto si trovava dalla parte opposta di una collina! Il percorso che ho fatto non è stato quello classico, a causa delle condizioni meteo non troppo buone. A quel punto il GPS mi è servito solo come bussola. In breve, una carta 1:25000 sarebbe stata l’ideale.

Al di là di questi “imprevisti” (chi cammina per boschi sa bene quali sono i veri imprevisti) è stato un viaggio meraviglioso, tanto desiderato ancor prima che esser tanto vissuto. E’ stato bello incontrare, anche solo per poche centinaia di metri,  viandanti come me, ciascuno con le sue storie. Viandanti di cui non so neanche il nome, ma con il quale si crea un legame, una vicinanza, solo per il fatto avere il medesimo obiettivo e di condividere la stessa fatica. E la compagna di tutto il viaggio, la Natura, paesaggi diversi, pianura, golena, arenarie plioceniche, calanchi, boschi, praterie sommitali, e ancora prati, orchidee selvatiche, querce, faggi e poi cipressi quando scendi dall’altra parte. E infine la Storia, storie di commerci e di eserciti: camminare sulle orme degli antichi Romani, su (piccoli) tratti di strada quasi perfetti , 8 piedi romani, due metri e quaranta di larghezza, lastricati di pietre. Tutto questo mi rimarrà nel cuore per sempre.

Non vi voglio annoiare oltre, se siete qui, forse, è anche perché voi stessi state pianificando la via. E allora vorrei condividere con voi la cosa più importante: un percorso studiato a tavolino, con tanti waypoint, ed il percorso effettivo, la “mia” via degli dei, piena di deviazioni, di errori, di sudore, di tempo perso e di meraviglia. Due tracce da caricare sul vostro GPS, in modo da stare ancora più tranquilli.

E se andate, fatemelo sapere. Mi farete riaprire quel cassettino.

Linkografia brevissima

Annunci

1 Response to “La mia Via degli Dei”



  1. 1 cozyliving.com.vn Trackback su 30 giugno 2017 alle 1:34 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Addthis

AddThis Social Bookmark Button

Flickr Photos


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: